Amianto

Image Amianto

L’amianto fa paura. Alla parola amianto sono associate terribili parole come: mesotelioma, carcinoma, asbestosi. Patologie estremamente gravi ed irreversibili a carico dell’apparato respiratorio e delle membrane sierose, principalmente la pleura, che studi hanno dimostrano poter essere riconducibili all’inalazione di fibre di amianto.
In particolare, l’amianto è considerato il più importante fattore eziologico del mesotelioma.
L’amianto è quindi sicuramente pericoloso quando può disperdere le sue fibre nell’ambiente circostante.

 
Dove si trova l’amianto
Ovunque! L’utilizzo di questo minerale in Italia è stato messo al bando dal 1992, quindi oltre 20 anni dopo la sua massima diffusione lasciando una pesantissima eredità.
Nel Comune di Caronno Pertusella, è stato creato un archivio informatico, costantemente aggiornato, che raccoglie tutte le informazioni relative agli edifici contenenti amianto presenti sul territorio comunale. La realizzazione di questo archivio è stata fondamentale poiché con questo valido strumento possiamo arrivare al censimento e alla mappatura di tutti gli edifici contenenti amianto in Caronno Pertusella (un’attività in linea con gli obiettivi del PRAL - Piano Regionale Amianto Lombardia), ma soprattutto possiamo verificare l’assolvimento degli obblighi derivanti dalla valutazione dello stato di conservazione delle coperture.

Gli obblighi per i proprietari di manufatti contenenti amianto

La normativa italiana non impone l'obbligo di rimozione, ma prescrive un’adeguata valutazione del rischio alla quale far seguire la scelta del tipo di intervento da effettuare. Il PRAL introduce l’obbligo di denuncia della presenza di amianto da parte dei proprietari degli immobili. La normativa, quindi, obbliga all’autodenuncia e alla valutazione del rischio (indice di degrado) dal cui esito dipendono gli interventi di bonifica obbligatori.
La legge non definisce dei limiti temporali, se non quello del 2016 anno in cui la Regione Lombardia intende arrivare all’eliminazione di tutto l’eternit dai nostri territori.
In quest’ottica, consapevole della gravità e delle conseguenze che mancati provvedimenti potrebbero avere sul nostro ambiente e sulla nostra salute, L’Amministrazione Comunale ha emesso una nuova ordinanza per richiamare tutta la cittadinanza ad assolvere entro il termine stabilito del 10 Giugno 2013 gli obblighi previsti dalla legge, pena l’applicazione delle sanzioni di legge.
Ma dove non arriva la legge deve arrivare la coscienza di ognuno di noi.
Conoscere il problema amianto è fondamentale per limitare il diffondersi di paure infondate e al tempo stesso permettere ad ognuno di noi di prendere coscienza del reale rischio.
Con questo obiettivo lo scorso 12 giugno si è tenuta in Biblioteca, un’ Assemblea Pubblica alla quale hanno partecipato tecnici della ASL che in maniera chiara e semplice hanno illustrato sia i rischi per la salute derivanti dall’esposizione all’amianto, sia il panorama normativo e lo stato del censimento e monitoraggio in Lombardia.

Obiettivi e impegni assunti dall’Amministrazione Comunale

L’obiettivo di eliminare completamente l’amianto dal nostro territorio comunale è certo ambizioso ma è un obiettivo responsabile che come amministratore intendo perseguire con tutte le energie e risorse disponibili. Questo impegno si misura attraverso interventi e atti concreti:
  • la creazione dell’archivio finalizzato al censimento, mappatura ed al controllo dell’avanzamento pratiche;
  • l’emissione dell’ordinanza con obblighi in materia di amianto;
  • la stipula di una nuova Convezione con una ditta specializzata per attività di mappatura, valutazione e rimozione, a prezzi calmierati per favorire l’esecuzione degli interventi anche in questo momento di difficoltà economica;
  • la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici (Cimitero Caronno Pertusella - delibera di giunta del 11/06/2012);
  • l’informazione continua alla popolazione sul rischi amianto al fine di incidere sui comportamenti del singolo cittadino.
Il binomio salute-ambiente è un binomio ormai imprescindibile. È fondamentale l’impegno e il senso di responsabilità di noi tutti, amministratori e cittadini, verso il comune obiettivo di voler vivere in un ambiente sano per noi, ma soprattutto per il futuro dei nostri figli.